clima

TEMPERATURA: Basandoci su dati approssimativi (assenza di strumenti di rilevamento da tempi consoni a poter stipulare una media, si fa affidamento alla strumentazione nei comuni limitrofi rapportata alla stazione di Nerola operativa da fine 2017/inizio 2018). La temperatura media annua è di circa +15°c. Il mese più caldo dell’anno è Agosto (media di +24,5°c) con una temperatura massima di circa +29/+30°c (con la minima di circa +20°C), il mese più freddo dell’anno è invece gennaio (media di +5,5°C) con una temperatura massima di circa +9°c e una minima di circa +2°C. Mediamente Nerola registra 4-6°c in meno, nei valori massimi, rispetto alla valle del Tevere sottostante. La località non è soggetta ad inversione termica, pertanto, specie nella stagione invernale, registra temperature minime più alte rispetto le pianure e le vallate limitrofe.

PRECIPITAZIONI: In base ai dati del pluviometro dell’ufficio idrografico (le cui misurazioni iniziano nel 2003), la media pluviometrica di Nerola è di circa 1000mm/annui (possono verificarsi anni siccitosi con una pluviometria di circa 700mm e altrettanti anni piovosi con una pluviometria di 1300mm). Il mese più piovoso è novembre con circa 120mm mentre il mese più secco è agosto con circa 32mm (e luglio con circa  38mm). Durante la stagione estiva possono verificarsi con frequenza i temporali pomeridiani. Neve: Non è particolarmente frequente ma mediamente cade tutti gli anni, i mesi dove si registrano statisticamente più nevicate sono dicembre e febbraio; le nevicate più abbondanti si registrano con precipitazioni che arrivano da sud-ovest (dal mare) ma si possono registrare leggere sfiocchettate con accumuli di pochi mm con fenomeni di “sfondamento”(nevicate sul versante adriatico che riescono a superare localmente l’appennino).

VENTI: La località, trovandosi su un rilievo aperto quasi ad ogni angolazione (eccetto che a sud) risulta essere piuttosto ventilato, rare le situazioni di vento assente. Le raffiche più intense si registrano durante la stagione invernale con le irruzioni molto fredde di Tramontana o Grecale. In condizioni anticicloniche la brezza di mare raggiunge la località a metà pomeriggio fino all’inizio della sera quando entra la brezza di terra fino alla mattinata successiva, tra la mattinata e il pomeriggio è stato comunque riscontrato un vento dominante da ovest o sud-ovest (che si ipotizza essere la brezza di valle).